Ci pensi?

Ci pensi/
a quei poveri bambini/
costretti a lavorare/
e ai loro genitori disperati?/
C pensi?/
Cosa hanno fatto di male/
per meritarsi tutto questo?/
Devono essere lesti/
si devono sbrigare/
devono solo lavorare./
Ci pensi?/
Veramente sai/
quanto tu, ragazzo di qui,/
sei più fortunato di loro?/
Dimmi, ci pensi?/
Se ci pensi bene/
e più volte/
ti verrà l’idea per poterli aiutare./
Pensaci.

Marta Capone
Annunci

Informazioni su Cristina Galizia

Docente di lettere nella Scuola secondaria di I grado IC San Vito Romano (Rm)
Questa voce è stata pubblicata in poesia, scrittura creativa, sfruttamento. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...