Continua la produzione di favole in rima! – IA

Il corvo e la volpe

Un corvo con un pezzo di carne succulento
su un ramo si posò.
Una volpe passò in quel momento
e ad adulare il corvo cominciò:
-Potresti essere il re degli uccelli,
se avessi una voce bella.
Prova a far dei ritornelli.
E gli cantò una canzonella.
La carne dal becco gli cascò
e la volpe l’afferrò in un baleno.
Mai fidarsi si può
di chi ingannarci non riesce a far a meno.
La volpe e l’uva

Una volpe voleva mangiare
e un grappolo d’uva si fermò ad osservare.
Provò ad addentarla
ma non riuscì ad acchiapparla.
E borbottando si allontanò:
-Tanto è acerba, lo so!
Anche l’ uomo,come la volpe
vuole togliersi tutte le colpe.
Elisa Carrarini 
—————————————–
Un lupo e l’agnello

Un lupo e un agnello
bevevano in un ruscello.
Il lupo gli si avvicinò
e a litigare iniziò:
-Perchè nella mia acqua ti vuoi abbeverare
se me la sai soltanto sporcare?
L’agnello rispose con timore:
-Guarda che io qui vengo a tutte le ore!
Il lupo gli disse con molta malvagità:
-Perchè hai parlato male di me sei mesi fa?
-Ma se non ero ancora nato!
-Ah allora era tuo padre che non ho perdonato!
Allora con un balzo sopra gli saltò
e alla fine lo sbranò.

Ilaria Tolomei 

—————————————–
La piccola fiammiferaia

Una povera bambina
piccina piccina,
con i piedi scalzi camminò
e per le strade della città passò.
Aveva in tasca tanti fiammiferini
e da essi fece tanti fuochini.
Il secondo fiammifero sgretolò
e vide una donna che la tavola preparò.
Vide un’oca arrosto nel piatto,
la aspettava un delizioso pranzetto.
Ma il fiammifero si spense,
e il muro bianco ritornò.
Tutte le candele volarono,
e una scia luminosa tracciarono.
All’improvviso comparve la sua nonnina
che le prese la manina,
nel cielo la portò
e per sempre l’abbracciò.

Costanza Testa 
—————————————- 

Il leone e la ranocchia
Una rana stava gracchiando
mentre un leone stava disturbando.
-Non incominciare a gracchiare,
che anch’io mi dovrò riposare!
Con una sola zampata la eliminò
e per tutta la vita si rilassò.
  Ilaria Tolomei

———————————————–

Un cervo vanitoso
Un leone vecchio e malato
viene preso in giro da un cervo ammirato
Il leone
dalla criniera arancione
vorrebbe sbranarlo
e chiede aiuto alla volpe per ingannarlo
così facendolo indietreggiare
le bellissime corna fa incastrare.
L’ambizione e la troppa vanità
tolgono la felicità. 
Flavia Mercuri

  

Annunci

Informazioni su Cristina Galizia

Docente di lettere nella Scuola secondaria di I grado IC San Vito Romano (Rm)
Questa voce è stata pubblicata in favola, favola in rima, scrittura creativa. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...