Giornata della lettura: i frutti (che fanno ingrassare la materia grigia) -IIA

Arringoblogger,
in questo post incorporate foto, video, componimenti vostri e qualsiasi altro “prodotto” della giornata della lettura (cliccate QUI se volete vedere e leggere i materiali su cui abbiamo riflettuto)!
Nel post precedente, invece, inserite commenti circa quello che pensate di aver appreso da questa attività.
Aspetto, anzi, aspettiamo di leggervi e di assaggiare i vostri frutti (e che non siano avvelenati eh!)
Per aiutarvi a scaldare i motori, ehm..le tastiere, lasciatevi andare sulle ali del gabbiano…
Un mio augurio a tutti voi.

—————————–

(incollare da qui, scrivere con vostro colore e firmare)

Ecco il mio video sulla giornata della lettura. Roberto Gargiuli

Ora la parola a Lucia Testa:

Ora ho in mente solo una lacrima,
una lacrima frivola e forse senza senso.
Non so perché piango,
non so perché ho riso fino ad ora.
So solo che ormai una lacrima di sangue colma la mia mente.
Una lacrima di dolore.
Ho la pelle d’oca,
sto male.
C’è bisogno di un gioco.
Un gioco sinonimo di amore.
Un amore che può sembrare così impossibile.
A volte credo che la felicità sia un peccato.
Io, felice
Altri, tristi e disperati.
Straziati da un dolore iniziato dalla fine.
Un dolore senza fine.
Un brivido freddo,
scivola sulla mia schiena.
E per sentirmi viva,
per essere considerata,
supero i limiti,
supero il possibile.
Inutile salvare gli attimi,
quando l’intera vita non conta niente.
Ma se credo nella vita,
credo nel futuro,
credo in me stessa,
risorgerò.
Saprò camminare con nuove gambe
Su una terra bruciata di ogni cattiveria.
Riuscirò a tendere le mani,
e a sentire brividi di gioia.
La vita creerà in me una nuova opinione.
E sarò libera,
e sarò presente.
In questo mondo ,
ora fatto di utopia.
Un mondo che presto sarà vero.
E il volo di una foglia,
il sorgere del sole,
il soffio del vento non saranno più un’illusione.
La bugia morirà
E sarà presto un universo migliore.
Ma ora sono qui.
E il mondo è assente e sfocato.
Sono libera,
è questo ciò che voglio.
Sono libera di chiamare chiunque fratello.
E se questo mondo è artefice di odio,
l’odio genera speranza.
E’ un vaso rotto,
che ormai ha liberato male,
ma nel profumo cristallino dell’aria
c’è la speranza del domani.
C’è un sogno che trasformerà
Questo mondo nella più sincera verità.
Perché sento già la brezza del rinnovo,
Muore l’utopia,
muore l’illusione,
muore l’odio.
Ecco, apro gli occhi e vivo.
Perché ormai sotto i miei piedi ci sono le ali.
Sono pronta a volare,
sono pronta a vivere,
pronta a risorgere.
Pronta a reagire contro ogni cattiveria.
E il mondo è migliore,
il mondo è vivo,
il mondo è libero!
Annunci

Informazioni su Cristina Galizia

Docente di lettere nella Scuola secondaria di I grado IC San Vito Romano (Rm)
Questa voce è stata pubblicata in giornata lettura, libertà. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Giornata della lettura: i frutti (che fanno ingrassare la materia grigia) -IIA

  1. Anonymous ha detto:

    complimenti lucia una poesia davvero bella!!! ho ritrovato le mie idee in questa poesia che a me è piaciuta molto. ancora complimenti…roberto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...