Giornata della lettura IA e IB

Anche la IA quest’anno ha svolto una serie di attività in occasione della Giornata della lettura. Anzi, le attività pensate per la Giornata della lettura sono state talmente tante e ben accette alla classe che si è pensato di…moltiplicarle per tutti i lunedì dell’ultimo mese e più di scuola.
Tutte le attività sono frutto…di tre cervelli ( 😉 ): ho collaborato infatti con le prof.sse Simona Martini e Regina Spoletini, grazie alle quali  l’attività si è svolta a classi aperte, insieme alla IB: e già questo ha contribuito non poco al successo dell’ attività, che rompeva i normali schemi della didattica.
Quello che leggerete, Arringovisitatori, è il racconto di 7 incontri di 1 o 2 ore ciascuno. 


Insieme alle prof, abbiamo deciso di affrontare il discorso dei “Diritti dei bambini”, visto che quest’anno ricorreva il 20 anniversario della Convenzione. Inoltre il tema ci sembrava sia adatto all’età dei ragazzi, sia di loro interesse…E non ci siamo sbagliate…
Fin da subito i ragazzi hanno dimostrato una grande attenzione alla tematica che li ha colpiti talemente tanto da zittirli spesso per lungo tempo (con buona pace dei nostri timpani)!!!

Qui le slides di appoggio che abbiamo usato:
(sono in pdf, perché realizzate per LIM con linx 4 e nella conversione con ppt o simili perdeva formattazione)



Siamo partiti da un brainstorming e molte sono le idee/sentimenti che i ragazzi hanno tirato fuori sui diritti
diritto di
piangere
ridere
essere bambini
annoiarsi
essere amati
essere ascoltati
essere coccolati
essere spensierati...

Senza commentare, siamo passati poi alla visione di questo video su Iqbal Masish, bimbo come loro, ma dalla vita così maledettamente diversa…



Dire che li ha ammutoliti, è dir poco…………

A questo punto l’attività di gruppo: un rapido brainstorming per raccogliere emozioni e poi la lettura di due articoli della Convenzione fatta da noi prof (art 31 e 32) e la divisione in gruppi per leggere tutta una serie di materiali che avevamo preparato (sui bambini soldati, i “senza nome”, i bambini abbandonati…). Ancora dibattito, ma prima in gruppo, e poi condividendo tutti insieme le riflessioni dei singoli gruppi, trascrivendo sulla LIM le parole chiavi del nostro pensare:
tristezza
maliconia
solitudine
voglia di far qualcosa
ingiustizia
amarezza
disparità maschio/femmina
sfortuna
diritti negati
diverso valore dell’istruzione
diritto alla felicità
…………..


A questo punto i ragazzi erano ormai “dentro” l’argomento: bisognava aiutarli a tirarsene fuori e a tira fuori da loro stessi i loro pensieri. 
Per tre di lezioni, con musica di sottofondo, li abbiamo guidati nell’esteriorizzazione dei loro pensieri e delle loro emozioni. Li avevano…”macerati” per una settimana: ora dovevano concretizzarli sul foglio. Nulla di fissato, di rigido: abbiamo suggerito tutta una serie di testi da produrre, dalla poesia, al commento, all’intervista impossibile, al dialogo trascritto, al calligramma, al disegno, alla filastrocca, alla lettera e al diario…Massima libertà, affinché scegliessero la forma più adatta al loro mondo interiore…
Per aiutarli ancora, abbiamo proiettato alcune foto dalle quali poter prendere spunto, mentre altre ne hanno portate loro…

Che dire?
Eccovi gli elaborati dei ragazzi…Molti hanno prodotto testi ben più maturi dei loro 10 / 11 anni, molti sono stati creativi e molti (grande gioia per me) hanno vinto la paura del’errore e del foglio bianco e hanno iniziato a produrre con maggiore proprietà e autostima…
Una grande soddisfazione………



O no? 😉

Ecco i ragazzi all’opera: un bel video che li ritrae assorti, realizzato  da Simona Martini

E a conclusione…………….De André, cantata ( quasi) da tutti!


Grazie ragazzi!



Annunci

Informazioni su Cristina Galizia

Docente di lettere nella Scuola secondaria di I grado IC San Vito Romano (Rm)
Questa voce è stata pubblicata in diritti bambini, giornata lettura. Contrassegna il permalink.

8 risposte a Giornata della lettura IA e IB

  1. Andreas Formiconi ha detto:

    posso iscrivermi alla vostra scuola?

  2. Cristina Galizia ha detto:

    ahhahahah! Ma certo Andreas…che potresti iscriverti a "hodesta" scuola ;-)Felicissima di leggerti qui!Ciao!!!

  3. Andreas Formiconi ha detto:

    beneallora se il rettore mi concede l'anno sabbaticoe se mi assicurate che non ci si deve mettere il grembiule nerovengo a scuola da voi il prossimo annoah, ci vorrebbe però anche l'insegnante di sostegno per rassicurare i miei futuri compagni di classe che si tratta di un alunno un po' ritardato …

  4. Cristina Galizia ha detto:

    Maremma scolara Andreasse te tu fai il bischero, allora noi ti si da la foto della Gelmini da guardare per tutto il giorno come punizione!Ma se tu fai il bimbino bravo e saggio, allora dirò a qualcuno dei miei bischeri di darti una mano, ogni tanto…tu portaci i cantucci e il vin santo però.Ps: Andreas, se ti va di leggere ancora, qui trovi la giornata della lettura fatta in seconda (2/3 incontri)http://arringo.blogspot.com/2010/04/giornata-della-lettura.htmle qui alcuni degli elaborati da loro prodotti (altri i bischeri non me li hanno spediti grrrrrr)http://arringo.blogspot.com/2010/04/giornata-della-lettura-i-frutti-che.htmlCiao delinquentuccio (appellativo tra il serio e il faceto con cui chiamo le mie bestiole…e visto che ambisci al ruolo di alunno, cominciati ad abituare a certi modi):-)

  5. Anonymous ha detto:

    Andreas ti voglio nella mia classe però…so già quale sarà il tuo compagno di banco io lo chiamo "Esci da questo cooooooooooorpo". Grazie per i complimenti.Simona

  6. Cristina Galizia ha detto:

    ahahhae no, Simona, non puoi rubarmi gli iscritti così sotto il naso! E io che già prpeparato il banchetto…dietro la lavagna (quella affissa al muro)…ps: Andreas, ancora sicuro di chiedere l'iscrizione? 😉

  7. Andreas Formiconi ha detto:

    è un po' il fatto di dovere guardare la Gelmini nelle punizioni che mi fa paura, io ero abituato ai nocchini che ci dava la maestra nel 1962 quando non si capivano "le operazioni" …

  8. Andreas Formiconi ha detto:

    oh, comunque per esercitarmi a tornare a scuola mi son rimesso a disegnareper ogni post in iamarf.org un disegnole tecnologie di carta … no, davvero, mi hai – avete … o quanti siete? – influenzato sul serio!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...