Viva l’Italia…a Roma! La storia nazionale raccontata dal popolo romano – parte I – Esercitazione IIIA e tutti

Avevo promesso ai ragazzi di IIIA che, accanto alla storia nazionale raccontata dai canti risorgimentali, avrei presentato anche dei materiali che, 2 anni fa, raccolsi insieme al prof. di Musica Tonino Giovannone, nell’intento di raccontare la storia d’Italia attraverso il punto di vista del popolo, nello specifico quello romano. E’ un’interessante modo di attraversare la Historia, percorrendo dal basso la fiumana di idee e sentimenti che la composero…E questo debutto del popolo nella letteratura non vi ricorda nessuno dalle parti del ramo del lago di Como??? 😉


Annamo allora regazzì, levateve l’italiano dalla capoccia (non è poi tanto uno sforzo, lo so) e comenzémo a legge Gioacchino Belli, er Manzoni der Colosseo!


Belli è il primo a dar voce (e che voce) alla plebe romana e, attraverso la sua schiettezza, a far un bel liscia e busso al Papa-imperatore del tempo (e già, alquanto anticlericale zio Gioack, ma al tempo il papa non faceva il papa e, se non era papa, era re 🙂 ): si critica il sistema delle gerarchie, la ricchezza e l’indifferenza alle sorti spirituali (ma non solo) del popolo. Ma si critica con l’arma pungente della parodia e dello sberleffo, che rende la satira profondamente ironica.
 Dàtece na letta e diteme voi:

COSA FA ER PAPA

Cosa fa er Papa? Eh ttrinca(1), fa la nanna,
taffia(2), pijja er caffè, sta a la finestra,
se svaria(3), se scrapiccia(4), se scapestra,
e ttiè Rroma pe cammera-locanna(5).

Lui, nun avenno fijji, nun z’affanna
a ddirigge e accordà bbene l’orchestra;
perché, a la peggio, l’urtima minestra
sarà ssempre de quello che ccommanna.

Lui, l’aria, l’acqua, er zole, er vino, er pane,
li crede robba sua: È tutto mio;
come a sto monno nun ce fussi un cane.

E cquasi quasi goderia sto tomo(6)
de restà ssolo, come stava Iddio
avanti de creà ll’angeli e ll’omo


(1): beve
(2): mangia
(3): si diverte
(4): si toglie gli sfizi
(5): camera sfitta. La “camera locanda” era la camera che gli alberghi affittavano: il nome si deve alla scritta LOCANDA EST ‘da affittare’ che si affiggeva fuori dagli alberghi.
LE RISATE DER PAPA

Er Papa ride? Male, amico! È sseggno
C’a mmomenti er zu’ popolo ha da piaggne.
Le risatine de sto bbon padreggno
Pe nnoi fijjastri sò ssempre compaggne.
Ste facciacce che pporteno er trireggno
S’assomijjeno tutte a le castaggne:
Bbelle de fora, eppoi, pe ddio de leggno,
Muffe de drento e ppiene de magaggne.
Er Papa ghiggna? Sce sò gguai per aria:
Tanto ppiú cch’er zu’ ride de sti tempi
Nun me pare una cosa nescessaria.
Fijji mii cari, state bbene attenti.
Sovrani in alegria sò bbrutti esempi.
Chi rride cosa fa? Mmostra li denti
A CUSCINA DER PAPA

Co la cosa ch’er coco m’è compare
m’ha vvorzuto fa vvéde stamattina
la cuscina santissima. Cuscina ?
Che cuscina! Hai da dì pporto de mare.
Pile, marmitte, padelle, collare
cosciotti de vitella e de vaccina
polli, ova, latte, pesce, erba, porcina,
caccia, e ggni sorte de vivanne rare.
Dico: “ Prosite(1) a llei, sor Padre Santo “.
Disce: “Eppoi nun hai visto la dispensa,
che de ggrazzia de Ddio sce n’è altrettanto”.
Dico: “Eh, scusate, povero fijjolo !
Ma ccià ppranzo collui quarch’Eminenza?”
“ Noo”, ddisce, “er Papa magna sempre solo

(1) Prosit, augurio latino: ‘sia utile, faccia bene, giovi!’. I Latini lo usavano quando, brindando, si auguravano il buon esito di un’impresa.
LI VICARI

Cquà c’è un vicario de Ddio nipotente,
c’è un Vicario, vicario der vicario,
e per urtimo c’è un viceregerente
vicario der vicario der vicario.
Ste distinzione qui tièttele a mmente,
pe’ nun sbajjà vicario co’ vvicario;
ché ‘na cosa è vvicario solamente,
antra cosa è vvicario der vicario.
Ccusì er prima comanna sur ziconno,
er ziconno sur terzo e tutti poi
comanneno su tutto er mappamonno.
Tira le somme come vòi,
Smovi ora er pancotto e troverai ner fonno
che cchi ubbidisce semo sempre noi.


E li antri romani che diceno nel frattempo?

A dire il vero i canti in dialetto romanesco che contengano riferimenti alla storia “ufficiale” ce ne sono ben pochi: e volete sapere perché? Da sempre la filosofia romana (ammettiamolo) del volemose bene, del tirà a campà e del chi se ne frega (sfruttato quest’ultimo, ahimé, in epoca fascista, ma con ben altro significato) ha tenuto un po’ i Romani fuori dalle strategie e dai giochi dei potenti, protetti com’erano, volenti o nolenti, dall’ombra del Cuppolone. E così in tutto ciò che è canto popolare non ci sono tracce, se non di sbieco, della Historia, mentre predominano i fatterelli locali.
Ecco perché, mentre dall’Alpi alla Sicilia si fa l’Italia…a Roma ce se preoccupa d’avé l’arance se se finisce a Reggina Coeli!!! (Ma quant’è strana la nostra storia: l’unica nazione al mondo a doversi conquistare la capitale! ahahah).  Sono infatti i canti della malavita ad essere fischiettati nella Roma papalina: ed essere della malavita è motivo d’orgoglio anche per le mogli che, assieme al marito, cantano impettite: “A Reggina Coeli c’è no scalino / chi nun salisce quello nun è romano“! 😀
Che femmene! ahahah


Ecco il primo: Gira e fa’ la rota


Canto della malavita, strutturato come un dialogo tra la moglie del carcerato e l’uomo in gattabuia. Anche questo, come “A tocchi a tocchi”, veniva cantato sotto le finestre del carcere romano.
L’uomo si lamenta della durezza del carcere e implora la moglie di aumentare la quantità di vitto, ma si senta anche orgoglioso di stare a Regina Coeli, elemento distintivo, secondo lui, del vero romano trasteverino. Anche la moglie, tuttavia, è orgogliosa di cotanto uomo e implora i ladri ( borzaroli) di aiutarlo perché, siccome gira la rota, prima o poi di stare in carcere tocca a tutti.

Una particolare nota storica va fatta a proposito der macellaretto: è un personaggio storico veramente esistito: si tratta del maresciallo delle Guardie di Città Domenico Marcellini, detto appunto  “er macellaretto”. Fu lo spauracchio e l’incubo della malavita romana e incise talmente sulle vite di quei pregiudicati che questi gli dedicarono un ritornello di questa canzone (dove viene immaginato morto ammazzato, mentre morirà solo nel 1910 in seguito a malattia):


Amore, amore, manname ‘na pagnotta
che er vitto der Coeli nun m’abbasta.
Che er vitto der Coeli nun m’abbasta.
Se nun te sbrighi me ce trovi l’ossa.

E gira e fai la rota
qui dentro rinserrato,
si nun me viè’ l’aiuto,
rimano senza fiato.

Giovenottini de la malavita,
nun lo cantate più gira la rota.
Nun lo cantate più gira la rota,
perché er governo ve l’ha proibita.

E gira e fai la rota,
la rota del carretto,
allegri giovenotti,
hanno ammazzato er macellaretto


Dentro Reggina Coeli c’è ‘no scalino,
chi nun salisce quello nun è romano.
Chi nun salisce quello nun è romano,
nun e romano ne tresteverino.

E gira e fai la rota,
la rota e la rotella,
davanti a Reggina Coeli
cianno messo la sentinella.

E lo mio amore sta a Reggina Coeli,
portateje da pranzo borzaroli.
Portateje da pranzo borzaroli,
che quanno sorte lui lo porta a voi.

E gira e fai la rota,
la rota del 31,
quanno stai carcerato
nun te cerca più nisuno.

Amore mio, leggeteve ‘sta nota,
io nun la vojo fa’ la malavita.
lo nun la vojo fa’ la malavita,
la malavita è proprio scellerata.

E gira e fai la rota,
la rota de li Castelli,
lassali quelli bulli
e butta li cortelli.

Er bene che te vojo nun te dico,
a Ponte te vorei vedé’ impiccato.
A Ponte te vorei vedé’ impiccato,
la testa rivortata pe’Panico.

E gira e fai la rota,
la rota der tranvai,
se a Ponte ci aritorni
nun ce ritorni mai.

Trastevere co’ Ponte e Porta Pia
fecero l’alleanza co la galera.
Fecero l’alleanza co la galera,
Trastevere svagò fece la spia.

E gira e fai la rota,
la rota de li puliziotti,
co’ le vostre castagnole
ce faremo li bocconotti.

E ancora, un altro canto della malavita: A tocchi, a tocchi la campana suona (o Alla renella):

Una fra le più note canzoni popolari romane che si vuol far risalire al secolo XVI per quel riferimento alle scorrerie dei turchi, in realtà pirati saraceni, chiamati a Roma “barbareschi”. Nell’ ambito della malavita romana veniva cantata dal “palo” per segnalare l’arrivo degli sbirri. Si cantava anche tra carcerati e familiari, c dal Gianicolo verso il carcere di Regina Coeli. Diversi i doppi sensi, come la frase sulle scarpe risuolate (“ho regolato i conti con chi ha fatto la spiata”.]
A tocchi, a tocchi, la campana sona:
li turchi so’ arivati a la marina
chi cià le scarpe rotte l’arisola,
le mie l’ho arisolate stamatina.
Come te posso amà?
Come te posso amà?
Si esco da ‘sti cancelli
quarchiduno me l’ha da pagà.
Amore, amore, manname un saluto;
sto drento a San Michele¹ carcerato
me sento come n’arbero caduto,
da amichi e da parenti abbandonato
Come te posso amà?
Come te posso amà?
Si esco da ‘sti cancelli
quarchiduno me l’ha da pagà.
E si de’ sfortunati stanno ar monno,
uno de quelli me posso chiamare
butto ‘na paja² a mare e me va a fonno,
all’antri³ vedo er ferro galleggiare.
Come te posso amà?
Come te posso amà?
Si esco da ‘sti cancelli
quarchiduno me l’ha da pagà.
¹ San Michele a Ripa Grande, ai romani noto soprattutto come Carcere Minorile, in attività fino al 1972
² pagliuzza
³ agli altri

Ecco dunque cosa si cantava e scriveva nella Roma Papalina, mentre attorno si faceva l’unità: come vedete, portando la mente alla visione religiosa di un Manzoni e di un Mazzini, alcuni punti di contatto ci sono, come anche delle differenze. Ripercorrete con la mente le figure religiose dei Promessi Sposi (soprattutto Don Abbondio, che abbiamo conosciuto di più) e provate a paragonarle …col Papa del BelliVi dovrebbero già prudere i neuroni…


Ma non basta: vi voglio dare sollecitazioni maggiori (ma quanto mi piace alzare il tiro, giraffine mie…)
Ieri mi è tornato alla mente un film di Luigi Magni, con un immenso Alberto Sordi. Il film si chiama “L’anno del Signore” (1969) e narra una storia (vera) accaduta a Roma nel 1825: due carbonari (Leonida Montanari e Angelo Targhini) furono imprigionati e giustiziati per aver tramato contro lo Stato (una targa a Piazza del popolo li ricorda ancora oggi). Il film è eccezionale per gli spunti che offre.
Eccovi due scene, a mio avviso tra le più intense. 
Alberto Sordi, fraticciolo semplice (che potrebbe assomigliare a…?.. ma …..) tenta di far pentire -!- i due del loro reato -!- (prestate GRANDE attenzione al discorso che fa Sordi, alle motivazioni per cui i due dovrebbero ravvedersi):

E ancora più intenso il discorso che farà Sordi (che ha capito che i due non hanno compiuto alcuna colpa, anzi…) al suo cardinale, verso il quale si prostra obbediente, ma che cercherà di far ragionare, seppur da fraticciolo semplice qual è. Il dialogo tra i due è noto come “La tragedia del potere”: a confrontarsi la logica della ragion di Stato e l’altezza di una religiosità semplice ma autentica e di una politica liberale e sciolta da ogni giochetto politico. A mio avviso si tratta di un capolavoro, che riassume più di ogni altro il dissidio storico di una chiesa ancora ufficialmente stato, ma che dal basso anela e fatica a diventare guida spirituale di anime (ponete GRANDE attenzione al discorso del cardinale vs le confutazioni di Sordi e confrontate i due diversi modi di pensare –vi consiglio di prendere carta e penna e segnare le frasi che più vi colpiscono-):

Dunque ragazzi, tutti questi materiali ci fanno riflettere su tantissimi aspetti: l’idea di POPOLO, di RELIGIONE, di POTERE in generale, di STORIA…Una riflessione non semplice, ma la cui analisi ci può aiutare ad entrare meglio nel clima dell’epoca e a capire cosa OGGI questi stessi concetti vogliono significare.
La sfida è grande, ma ce la potete fare.
Per aiutarvi nel ragionamento, provate a incanalare le vostre idee su un foglietto, in una tabella tipo questa

CONTESTO STORICO
CANTI RISORGIMENTALI
CANTI ROMANESCHI
BELLI
MANZONI (ODI E PROMESSI SPOSI)
POPOLO
RELIGIONE E RELIGIOSITA’
POTERE
STORIA

 o se volete in una mappa…Poi provate a verbalizzare il tutto in un commento a questo post.
Non vi nascondo che questa commistione di materiali (e l’introduzione di questi video) intriga molto anche me. Posso partecipare anch’io al giochetto? 😉

La prof
——————————————-

31 marzo 2011
Siccome il modulo dei commenti non prende i link, aggiorno il post con lo svolgimento di Elisa De Paolis e Maria Apostol, a cui va il mio plauso!


Brave!!!
Annunci

Informazioni su Cristina Galizia

Docente di lettere nella Scuola secondaria di I grado IC San Vito Romano (Rm)
Questa voce è stata pubblicata in canti malavita, cantico delle creature, Cristina Galizia, dialetto, risorgimento, Roma, romanesco. Contrassegna il permalink.

8 risposte a Viva l’Italia…a Roma! La storia nazionale raccontata dal popolo romano – parte I – Esercitazione IIIA e tutti

  1. The Piper ha detto:

    Particolarissime queste composizioni romane e romanesche! Sanno molto di pasquinate, quelle dell'antico Impero Romano e del film "Nell'Anno del Signore".

  2. Cristina Galizia ha detto:

    @Piper: mi hai preceduto di qualche minuto! ahahah Guarda infatti cosa ho inserito alla fine del post! Ho pensato (stanotte!!!) che proprio "L?anno del Signore" poteva prestarsi bene ad un discorso più generale che, partendo dalla visione ufficiale o popolana della Historia o della storia, portasse i ragazzi a riflettere su alcuni concetti.Mi affascina questo comune sentire e lancio la sfida anche a te: rileggi il post e…partecipi anche tu al giochetto?@ alunni: The Piper è uno studente universitario di Medicina di Firenze che da un po', con altri studenti, segue Arringo: occhio, commentate bene ragazzi, altrimenti prende il bisturi! ;-)Ciao!!!

  3. notanative ha detto:

    Ciao Cristina, vi sto seguendo! E' anche per questo che ho pensato a Trilussa.@alunni di Cristina, sono una partecipante alla blogoclasse di cui vi ha parlato la vostra insegnante. Mi piace molto il lavoro che fate insieme e un po' vi invidio 🙂

  4. lucia ha detto:

    qualche giorno e passo ad analizzare e commentare… ora sto scrivendo il racconto sulla donna. e per il discorso delle donne mi piacerebbe che andaste a leggere questo articolo: http://islamicamentando.splinder.com/post/21067935/giusto-picchiare-le-donne

  5. Cristina Galizia ha detto:

    Scrivo a Nome di Elisa De Paolis, che mi ha spedito il lavoro fatto su tabella, preoccupata di non poterlo mettere su Arringo in questa forma.Ho quindi trasformato il suo documento in un Google doc (ovvero documento pubblico) e messo in rete a questo indirizzo:https://docs.google.com/document/d/1WvFMBGnKesc39d6oF3n3sJh8ydqGLS1xIRXm2mZkKZU/edit?hl=en—————-Per imaparare Google Doc vi linko due video tutorial ( i video sono completissimi, ma la "manovra" della pubblicazione in rete è molto semplice e snella)http://www.youtube.com/watch?v=yTmfxpceVMUhttp://www.youtube.com/watch?v=-Hm0O7t5l4M&feature=fvwrel Se poi avete problemi, chiedete.Ciao

  6. ceheomsk ha detto:

    Very intereresting reading. thxcialis online

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...