Il sorriso di Arringo

E’ estate, credo. Siamo in agosto e già mi sembra tutto finito. La scuola, gli amici, la vita. Si

è spenta

una luce che mi ha animato per due anni e ho paura che non si riaccenderà. Questo blog mi ha accompagna per due anni, e ora ho paura di non sentirlo più mio.

Cio che

è stato

potrebbe non arrivare più, e io potrei dimenticare tutto.

Questo blog

è forse

il simbolo più papabile della mia crescita dalla fanciullezza all’adolescenza, e non so se definirlo mio o meno. In un certo senso ha seguito passo passo la mia vita in questi due anni,

è da

qui che tutto

è

iniziato, e forse tutto finirà, sinceramente non lo so. Ma stranamente mi e venuta la voglia di lasciarci sopra due parole, giusto per sentirlo più vicino. Per far in modo che la mia crescita ritardi. Questo blog

è

cresciuto con me, con la mia classe. E ora che noi tutti non siamo piu insieme, potrebbe tramutarsi in qualcosa di utopico.. E io non voglio.

Quindi, per quanto possa essere irritante e fastidioso per le nuove generazioni di Arringoboys, credo che di tanto in tanto i post scolastici verranno interrotti dai “cavoli miei”, perché ho bisogno di restare almeno approdata in questo porto, visto che tutti gli altri li ho già lasciati da tempo.
Grazie Arringo, grazie prof…
Lucia
Annunci

Informazioni su Cristina Galizia

Docente di lettere nella Scuola secondaria di I grado IC San Vito Romano (Rm)
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Il sorriso di Arringo

  1. Anonymous ha detto:

    Ciao Lucia,tu parli di una luce spentasi con la fine della terza media…secondo me, invece, rimarrà sempre accesa nel tuo cuore se riuscirai ad alimentarla con la forza dei ricordi e degli insegnamenti…Due anni fa anch'io temevo di perdere tutto questo. Temevo di dimenticare. Ma non è stato così, perché io non ho rimosso proprio nulla. Io l'ho visto nascere questo blog e grazie a persone come voi, come te, l'ho visto crescere e pullulare di articoli meravigliosi. Certo spiare e osservare di nascosto non è come essere il redattore o il destinatario ufficiale di tutto ciò che viene pubblicato: sono due esperienze diverse, ma che in qualche modo arricchiscono perché tali. E' gratificante pubblicare nuovi articoli, aspettando sempre qualche commento, ma lo è altrettanto sapere che esistono persone che continueranno a scrivere perché credono in tutto ciò, esattamente come te. E' per questo che il blog lo sento ancora mio… E magari, dopo mesi e mesi passati a spulciare tutti gli articoli dei nuovi Arringoboys, un giorno ti ricorderai di raccontare la tua storia a qualcuno che come te "vuole rimanere approdato nel porto dell'Arringo". Almeno per me è stato così ;)…grazie a tutti voi per avermi fatto partecipe dei vostri progressi…in bocca al lupo per tutto Lucia…un bacione, Giada dell'ex III A…ps un bacione anche alla prof!!! Se mi dà l’ok, tornerò a scrivere qualcosa anch’io tra un po’!!

  2. Cristina Galizia ha detto:

    Lucia e Giada…mi state facendo commuovere e venir la pelle d'oca…Entro in Arringo dopo quasi 20 giorni di vacanza assoluta, con il magone di doverlo ancora aggiornare di molti lavori fatti insieme a fine anno, come anche dei numerosi premi e riconoscimenti vinti dagli Arringoboys…e che trovo? Trovo due alunne, una ex fresca, un'altra ex da più, che ancora ricordano Arringo, che pensano di scriverci nel bel mezzo dell'afa di Agosto, che narrano la gioia di averne fatto parte e che portano con loro i ricordi…Beh, non trovo parole adatte per descrivere il mio stato d'animo: scritti come i vostri, inattesi, pieni e così sentiti mi lasciano infinitamente sospesa tra la gratitudine e la meraviglia, tra il sorriso e la lacrima gioiosa.Chi mai avrebbe immaginato simili frutti 4/5 anni fa, quando diedi avvio all'esperimento, quasi per scherzo; chi mai avrebbe immaginato che sarebbe stato così significativo per i ragazzi da far sentire loro la mancanza…Ma ragazzi, Arringo siete voi, perché lo avete nutrito e alimentato, stimolando anche me a fare di più. Per questo GRAZIE perché, se vi ho teso la mano, ho trovato sempre la vostra… grazie.Non mi abituerò mai a questo stato d'animo, all'idea che gli alunni tornino con grande piacere alle nostre giornate di lavoro (e mica leggero!!!:-) ) e che addirittura dopo diversi anni (come nel caso di Giada) continuino a leggere questo spazio, così, senza obbligo alcuno, solo per piacere di perdersi tra queste righe, scritte spesso tra realtà e follia. Non me ne capaciterò mai, come anche delle mail che, come un arcobaleno a ciel sereno, mi trovo d'improvviso nella posta e mi rendono felice e fiduciosa di frutti ancora migliori…Non mi abituerò e spero di non abituarmici mai!Felicissima poi che Arringo venga associato al SORRISO… mi conoscete bene (:-D ), anche se vi faccio schiattare mai riuscirei a fare una lezione seria, senza i 5 minuti di vacanza del cervello. Come si può stare insieme senza divertirsi? Ma perché diamine la scuola deve essere noiosa? Di risate ce ne siamo fatte tante insieme: tra una poesia e un testo c'era sempre chi mangiava panini sotto il banco, chi si specchiava nel riflesso del righello, chi si succhiava le cialde della macchinetta per il tè (censuro nomi e cognomi, ma tanto tutte e due avrete in mente episodi del genere:-D). Episodi che, dopo opportuna tiratina d'orecchi, erano fonte di allegria, risate, simpatici sfottò o addirittura origine di discussioni che, nascendo strampalate, finivano poi per approdare a bei dibattiti accesi e formativi. Segni questi che si sta bene insieme (oltre al fatto che fate colazioni troppo scarse e usate troppo la piastra!!!). E allora a me "IL SORRISO DI ARRINGO" piace tantissimo. Non sarebbe male metterlo come occhiello da qualche parte nel blog…Scriverei per ore.Spero di rileggervi presto e…tranquille, Arringo sarà sempre vostro, pronto ad accogliervi quando e come vorrete!Un abbraccio sentito e commosso.La prof.

  3. Cristina Galizia ha detto:

    @Giada: c'è posta per te su live.it (e, per sicurezza, pure sulla mail di tuo padre…tanto per tutelare la privacy!)

  4. Simona Martini ha detto:

    Lucia e Giada Arringo siete voi! come pensare di poter abbandonare questa strada, questa piazza, questo luogo d'incontro e di cultura? è vostro! e lo sarà sempre, potrà cambiare volto, potranno passare altri studenti con la voglia di conoscere e la curiosità di provare, ma ci sarete sempre anche voisiete gli alunni che ogni prof vorrebbe avere, continuate a voler conoscere e scoprire, questo è lo scopo di questo blog come delle lezioni della vostra prof e già il fatto di aver scritto oggi qui dimostra che Arringo non può esistere senza di voi anzi direi che i prossimi alunni avranno bisogno di voi….prestate quindi la vostra esperienza e il vostro aiuto ai vostri compagni…non potete immaginare quanto s'impara a insegnare e aiutare gli altri!ciao e in bocca al lupo per tutto

  5. Cristina Galizia ha detto:

    Intanto vi dedico il post sopra 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...