Wikipedia: pensieri sulla libertà di pensiero

Innanzitutto ciao arringoboys! Come sta andando? Vedo che la prof ha già intasato la homepage del blog di post, fin troppo prevedibile.
So che pubblicando questo post, molti degli alunni della prof, mi odieranno.
Come sapete -e se non lo sapete ve lo dico io ora- Wikipedia rischia di chiudere i battenti, la nostra amata enceclopedia libera rischia di essere oscurata dalla rete da un istante all’altro.
Che “enciclopecidio”…almeno è quello che penso io. Wikipedia è uno dei pilastri della rete e dell’informazione odierna e disintegrarlo del tutto porterebbe a uno sconvolgimento virtuale nel mondo del web.
Sono partite campagne contro la chiusura, che spero vivamente andranno a buon fine 😉
Ciò che vi chiedo, a tutti voi, alunni e insegnanti, ex alunni o lettori, di cercare informazioni a proposito e di scrivere qualcosa che illustri il vostro pensiero riguardo questo evento.
E’ giusto chiudere, oscurare o filtrare Wikipedia?
P.s. Per chi può, sarebbe opportuno mettere giù testi che poi poterbbero essere postati nel blog in modo tale che i commenti siano più chiari e districati, agli altri basta un commento qui sotto.
Non uccidetemi vi prego!
E per la prof: ovviamente l’invito è rivolto anche a te!



Lucia Testa
Annunci

Informazioni su Cristina Galizia

Docente di lettere nella Scuola secondaria di I grado IC San Vito Romano (Rm)
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Wikipedia: pensieri sulla libertà di pensiero

  1. Cristina Galizia ha detto:

    Ma perché odiarti??? Ne abbiamo parlato in IIIa due giorni fa….partendo dalla libertà di espressione e di opinione espressa nella dichiarazione dei diritti dell'uomo (tu ed altri potete seguire i nostri ragionamenti…qui: http://mind42.com/pub/mindmap?mid=d85c6b18-e6ad-46e5-ad11-4fb9eb8473e1&rel=url ). Abbiamo parlato di quanto la rete possa essere plurale e potenzialmente fonte di democrazia e di quanto limitare l'uso e l'accesso ad internet possa essere limitante della libertà di parola. Abbiamo anche ragionato sul fatto che "libertà di parola" non è dire "quello che voglio", ma "esprimersi nel rispetto altrui" e che la libertà per esistere mecessita di limiti e regole. Per completezza di informazione, occorre dire che in seguito anche alla mobilitazione in rete, sono stati inseriti degli emendamenti (correzioni) al ddl e al momento siamo in attesa che vengano approvati. E da quel che ho letto Wikipedia Italia (che era stata sospesa, non del tutto chiusa) ha ripreso le sue attività.Grazie Lucia per questo post: lo rilancio e spero che altri accolgano l'invito a ragionarci.

  2. lucia ha detto:

    immaginavo che ne avreste parlato a scuola… 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...