Ancora le descrizioni dei personaggi: verso la descrizione finalizzata di sé -STEP 2- IIA

————————


I ragazzi di IIA continuano a vedersela con la descrizione dei personaggi,per poi ritornare, in modo più consapevole, a quella di sé. Guardare allo specchi e sapersi guardare non è mica cosa semplice! 🙂


Ecco quindi come siamo andati avanti, dalla volta scorsa (qui): sono piccoli brani, desunti da romanzi per ragazzi, per ognuna delle quali i ragazzi hanno svolto attività simili:

———–

Fulvio era il più discolo e il più bello di noi tre, Aveva gli occhi celesti come il papà, ma grandi ridenti e furbi. Non conosceva l’uso del pettine ed erano liti tutte le volte che doveva andare dal parrucchiere.
Era anche il più buono e il più generoso, quello che prendeva più botte e castighi.

Bianca Fo Gambois Io da grande mi sposo un partigiano, Einaudi



Attività:
DOCENTE: chiede quale vissuto abbia reso l’autore
ALUNNI: sottolineano con colori diversi (aspetto fisico/ abbigliamento/ azioni) gli elementi che lo fanno capire; eseguono lo schema a ventaglio; notano che qui l’autore ha reso la furbizia e la ribellione del ragazzo attraverso pochi dettagli fisici

———

Luca il macchinista era piccolo e grassottello. Portava un berretto a visiera ed una tuta da lavoro. Aveva gli occhi blu come il cielo di Dormolandia nei giorni di sole. Ma il viso e le mani erano nere di olio e di fuliggine. Quando rideva gli si vedevano brillare in bocca magnifici denti bianchi, con i quali riusciva a schiacciare qualsiasi noce. Portava inoltre un orecchino d’oro nel lobo dell’orecchio e fumava una grossa pipa inglese. Non era particolarmente grande, ma disponeva di un’incredibile forza fisica. Volendo, sapeva ad esempio fare un nodo con una sbarra di ferro

Michael Ende, Le avventure di Jom Bottone


Attività:
COME SOPRA. Si noterà, però, che questa volta il vissuto della forza e della fatica è stato reso attraverso pochi dettagli dell’aspetto fisico e dell’abbigliamento. Eseguire schema a ventaglio.

——

La vecchia signora lavava i piatti della prima colazione.
L’acqua schiumava nel grande catino insaponato e in cima alla schiuma faceva tante bollicine rosa e azzurre. Le braccia della vecchia signora erano nude fino al gomito e colorate di un vivido rosa. Aveva addosso un vestito di seta grigia, con un disegno purpureo di grosse viole del pensiero, un grembiule di lino bianco e una cuffia imponente che sembrava un budino di mussola bianca. Sul petto portava una mezzaluna d’argento con cinque piccole civette sedute sopra, e intorno al collo una catena di orologio di perline nere.

Katherine Mansfield, Tutti i racconti, Adelphi


Attività:
COME SOPRA. Si noterà che in questo caso il personaggio e il suo vissuto sono stati resi soprattutto attraverso abbigliamento e azioni.

LE DESCRIZIONI POSSONO FARSI IN MODO DIVERSO, IL VISSUTO PUò ESSERE RESO ATTRAVERSO STRATEGIE DIVERSE: O SOLO CON L’ASPETTO FISICO, O SOLO CON L’ABBIGLIAMENTO, O SOLO CON LE AZIONI O UNENDO LE DIVERSE STRATEGIE IN UN UNICO TESTO.
LA DESCRIZIONE RISULTA COMUNQUE FINALIZZATA: STA ALLO SCRITTORE DECIDERE QUALE SIA PIU’ CONFACENTE AL PROPRIO TESTO

—————-
I ragazzi cominciano a interiorizzare che, anche le descrizione dei personaggi ,come quelle dei luoghi, per essere espressive, devono essere finalizzate; cominciano, inoltre, ad analizzare il testo, individuando elementi riusabili nelle loro descrizioni.
Verso la descrizione creativa di sé.

La prof.



Annunci

Informazioni su Cristina Galizia

Docente di lettere nella Scuola secondaria di I grado IC San Vito Romano (Rm)
Questa voce è stata pubblicata in descrizione persona, ritratto, testo descrittivo. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...