A scuola di legalità: Per questo mi chiamo Giovanni _IA IIA

 ———
Tra il primo e il secondo quadrimestre gli alunni di IA e IIA hanno letto “Per questo mi chiamo Giovanni”, di Lugi Garlando, libro che emozionato, coinvolto moltissimo i ragazzi: hanno vissuto, insieme al racconto, la storia di Giovanni Falcone, questo bambino che lottava per difendere i compagni e che da grande sarà il Maradona che driblerà e segnerà i goal più importanti al “mostro senza volto“. E così i ragazzi hanno conosciuto Ninni Cassarà, lo sceriffo senza paura, Rocco Chinnici, che parlava ai giovani, Alberto Dalla Chiesa (quale meraviglia per i ragazzi collegarlo alla presentatrice di trasmissioni televisive!), Paolo Borsellino, il grande amico, Antonino Caponnetto, il secondo padre di Giovanni; hanno quasi vissuto sulla loro pelle…la cattiveria del “carciofo” e delle sue cosche, rivivendo il giuramento del santino, la morte di Giuseppe di Matteo, al pari di un’aspirina in un bicchier d’acqua, la freddezza de “u’ verru” che schiacciò quel famoso pulsante che il 23 Maggio 1992 farà saltare in aria macchine, persone e speranze sull’autostrada Palermo-Trapani.
I ragazzi si sono spesso meravigliati, commossi, hanno partecipato attivamente ed emotivamente al racconto.
Queste le slide di supporto usate durante la lettura, la fine di far vedere i volti dei personaggi scritti nel libro, volti reali e tutt’altro che inventati.


Il libro ha dato origine a diversi lavori, molti nati spontaneamente, per iniziativa dei ragazzi. Diversi di loro (soprattutto in IA) hanno deciso di ricostruire l’attentatuni con Minecraft, un programma di costruzione di luoghi virtuali molto conosciuto e usato dai ragazzi. E così, molti hanno ricostruito lo svincolo per Capaci, le tre macchine coinvolte (la blu e la marrone della scorta e la bianca di Giovanni e Francesca), la collina del maiale, il cunicolo sotterraneo sotto l’autostrada, la voragine del dopo-esplosione.
Ecco quindi il primo lavoro, interamente creato  e condiviso da Tommaso Rossi IA (BRAVO!)

 

Altri ragazzi hanno curato invece la ricostruzione del luogo dell’attentato tramite cartoncino. Bel lavoro anche il loro! BRAVI Sasha, Matteo, Laura, Gianmarco, Valerio!!!

Presto altri lavori, con Minecraft e/o cartacei e riflessioni sul libro letto, sia di IA che di IIA!
Stay Tuned! 😉 

Annunci

Informazioni su Cristina Galizia

Docente di lettere nella Scuola secondaria di I grado IC San Vito Romano (Rm)
Questa voce è stata pubblicata in fabrizio moro, falcone, legalità, libertà, luigi garlando. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...