Pre_testi di scrittura: dal manufatto al testo, attraverso le tecniche di scrittura_IIA

Da diverso tempo, la IIA sta lavorando sul testo descrittivo, imparando le diverse modalità di descrizione di un luogo e di una persona. A queste tecniche, si aggiunge quella della finalizzazione del dialogo e le diverse tecniche di uso e applicazione del dialogo.

Così, invece di descrivere, ogni volta, foto prese da riviste o dalla rete o lavorare di fantasia, sfruttando le grandi capacità di manipolazione e la grande creatività dei ragazzi, abbiamo deciso di creare noi i luoghi da descrivere, gli ambienti all’interno dei quali ambientare le nostre storie.

E così, i ragazzi hanno lavorato in modo autonomo e creativo prevalentemente a casa, dando ampio spazio alla loro fantasia e immaginazione.
Hanno così creato città, mulini, case coloniche, cittadine o comuni medievali incastellati, tutti con materiali di riciclo e con tecniche diverse: bottiglie del latte, scatole di medicinali o di scarpe, rotoli di carta, tappi di vecchi profumi sono stati trasformati in case, ponti levatoi, tetti, ora dipinti, ora coperti con foglie e pasta, ora esaltati dai pastelli a cera. Di volta in volta, questi lavori sono stati esposti sulla cattedra e sono stati descritti e usati per ambientare storie di mistero e gialli, all’interno delle quali i ragazzi avevano il compito di applicare le diverse tecniche di narrazione/descrizione/dialogo finora apprese.

Favorendo l’applicazione delle intelligenze multiple, la manualità e la creatività, questo lavoro ha permesso la “visualizzazione” dello schema narrativo e descrittivo dei racconti, favorendo il fluire della scrittura e la creatività nella stesura, agevolando di molto la creazione di fabule e intrecci!

Ecco a voi i nostri PRE-TESTI DI SCRITTURA

Abbiamo verbalizzato in classe la metropoli con industrie e il comune medievale: il primo è diventato il luogo dell’omicidio di un ricco industriale, assassinato all’interno della sala comandi della sua fabbrica; il secondo il luogo del verosimile furto della seconda scomunica di Gregorio VII verso Enrico IV , giallo che vede Matilde di Canossa nei panni dell’antenata della Signora in Giallo 😉

Ora i ragazzi, divisi nei gruppi che hanno realizzato i manufatti, stanno autonomamente creando le loro storie, avendo sempre come vincolo l’uso di descrizioni e di dialoghi finalizzati.

Ecco a voi i primi testi. Buona lettura!

Pretesti di scrittura testi

I lavori sono stati in seguito “trasformati” in Presepi, con l’aggiunta della Natività, nell’ambito del Progetto “Amici del Presepe”, a cura del Gruppo Giovani di San Vito. Da lavori per favorire manualià e inclusione, partecipazione e scrittura, si sono così trasformati in messaggio di Natale, augurando a tutti noi la nascita dell’Amore nei luoghi in cui viviamo.

Ecco i lavori dei ragazzi, esposti in paese dall’8 Dicembre al 6 Gennaio (venite a visitarli!):

Annunci

Informazioni su Cristina Galizia

Docente di lettere nella Scuola secondaria di I grado IC San Vito Romano (Rm)
Questa voce è stata pubblicata in scrittura creativa, testo descrittivo. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...