IIA-IIIA: Malala, premio Nobel per la pace 2014: ISTRUIRE vuol dire PACE

Prendiamo in mano i nostri libri e le nostre penne. […] Sono le nostre armi più potenti. Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo. (da Io sono Malala)

All’indomani del Nobel, eccoci ad approfondire la figura di questa piccola grande donna: Malala Yousafzai. In classe abbiamo raccontato la sua storia e letto alcune pagine del suo blog. Da qui, l’esigenza, di raccontarla a modo nostro.

Eccovi, ragazzi, dei materiali da cui partire per le ricerche:

Chi è Malala (Wikipedia)

Malala, raccontata attraverso brevi estratti del libro “Io sono Malala”

Alcuni estratti del blog di Malala (quelli letti insieme a scuola)

Altri estratti del blog di Malala

Intervista a Viviana Mazza, autrice della biografia “Storia di Malala” (edito da Mondadori)

Il discorso, tenuto nel Luglio 2013, all’ONU (notate lo scialle, appartenuto a Benazir Bhutto)

QUI il testo integrale del discorso

Cara Malala: un talebano scrive a Malala (dopo l’attentato).

Ma cosa ci insegna oggi, Malala? Cosa dice a noi, fortunati scolari d’Italia?

Il diritto all’istruzione è uno dei diritti INVIOLABILI DELLA PERSONA, sancito dalla Dichiarazione universale dei diritti umani. Tale diritto è sintetizzabile così:

  1. A nessuno si dovrà negare il diritto all’istruzione; tutti hanno diritto alla istruzione di base (elementare) in una qualche forma, ivi compresa l’istruzione di base per gli adulti.
  2. L’istruzione elementare dovrà essere gratuita e obbligatoria.
  3. Nessuno può escludere un bambino o una bambina dall’istruzione elementare.
  4. Lo stato ha l’obbligo di tutelare questo diritto dalle intromissioni di terzi; esiste libertà di scelta dell’istruzione senza interferenze da parte dello stato o di terzi; e le minoranze hanno diritto all’insegnamento nella lingua di loro scelta, in istituti al di fuori del sistema ufficiale della pubblica istruzione. (fonte QUI).

(da continuare)

——————————-

Alcune ragazze di IIA, hanno manifestato l’intenzione di approfondire anche altre figure femminili. Eccovi degli spunti:

Per chi vuole approfondire il personaggio di Benazir Bhutto

Chi era Benazir Bhutto (Wikipedia)

L’assassinio 

Breve estratto di un notiziario sull’attentato

Per chi vuole approfondire Indira Gandhi

La prof

Annunci

Informazioni su Cristina Galizia

Docente di lettere nella Scuola secondaria di I grado IC San Vito Romano (Rm)
Questa voce è stata pubblicata in a scuola di legalità, cittadinanza, legalità, Uncategorized e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a IIA-IIIA: Malala, premio Nobel per la pace 2014: ISTRUIRE vuol dire PACE

  1. Pingback: IIIA: Cittadinanza: dalla Dichiarazione dei diritti dell’Uomo del 1789, a Olympe de Gouges a Malala | Arringo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...