PROGETTO SETTANT’ANNI DOPO: San Vito Romano e la seconda guerra mondiale_Verso la mostra

E’ in dirittura d’arrivo il Progetto “Settant’anni dopo: San Vito Romano e la seconda guerra mondiale“, progetto attivato all’interno del bando promosso dalla Regione Lazio e al quale ha aderito il Consiglio Comunale dei Ragazzi. Un progetto di recupero della memoria del territorio che i ragazzi avevano già avviato l’anno precedente con il Progetto “Territorio e Legalità” in collaborazione con l’OML. Un progetto che si inseriva dunque nel recupero della memoria sanvitese, come base dell’essere cittadino. Settant’anni dopo per noi ha significato: –due anni di videointerviste ai nonni (raccolte qui); –recupero di foto, diari, lettere, cartoline, documenti dal fronte dei sanvitesi in guerra (alcune qui); –incontri con la storia attraverso la viva voce dei protagonisti: incontro con Pietro Borromeo, figlio del “Giusto che inventò il Morbo di K”; incontro con Rita Trinchieri, figlia di Pompilio, internato sanvitese nei campi tedeschi e polacchi; incontro con Roberto Salvatori, autore di “Guerra e resistenza a sud di Roma”; –approfondimenti sulla seconda guerra mondiale in provincia di Roma;ricostruzione della storia dei caduti sanvitesi riportati nel monumento ai caduti, attraverso la consultazione degli archivi dell’Albo d’Oro, per ricordare i sanvitesi sacrificati per il nostro paese e il nostro avvenire; -approfondimenti su biografie di sanvitesi: Umberto Troiani, morto nella guerra in Iugoslavia; Pietro Troiani, caduto nell’eccidio delle fosse Ardeatine; Antonio e Gino Di Rosa; sanvitesi facenti parte dell’Armir e dispersi in Russia; -spettacolo “No. Storia di un rifiuto” di Giacomo Vallozza, figlio di Tommaso, IMI abruzzese; -una mostra di foto storiche, recuperate anche nei mercatini dell’usato, di scorci di San Vito nel 1900, di documenti relativi al secondo conflitto e alle attività dei partigiani della zona, di estratti da diari, di relazioni di ricerca. Schermata 2015-05-31 alle 16.55.32 Due anni di lavoro, “matto e disperatissimo” in alcune fasi, per dirla alla Leopardi, che continuerà ancora e ancora negli anni a venire, fino alla costruzione di un ARCHIVIO DELLA MEMORIA SANVITESE. E mentre si prepara per settembre una cerimonia per i caduti sanvitesi (per la ricostruzione della cui memoria si ringrazia per la grande e fattiva collaborazione Lorenzo Giovannetti,Capitano dei Granatieri), e mentre si avvia una pubblicazione scritta a riguardo, invito tutti i sanvitesi alla mostra che si terrà dal 2 al 30 Giugno presso il locale a Viale Piave, in modo da ricordare, leggere, riflettere sulla storia del nostro bellissimo paese! 11335749_10205779088749737_1295986242_o

La prof

Annunci

Informazioni su Cristina Galizia

Docente di lettere nella Scuola secondaria di I grado IC San Vito Romano (Rm)
Questa voce è stata pubblicata in resistenza, seconda guerra mondiale, Settant'anni dopo, storia e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a PROGETTO SETTANT’ANNI DOPO: San Vito Romano e la seconda guerra mondiale_Verso la mostra

  1. Pingback: Memoria e Ricordo attraverso i Giusti | Arringo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...