Ciao IIIA :)

Si è concluso l’8 giugno un altro triennio e altri 20 ragazzi stanno per spiccare il volo verso le scuole superiori. Sono stati anni intensi, di grande lavoro per me e per i ragazzi (che, tradotto come nello studentese divertito di Tommaso Rossi, è: “Prof, in questi anni sei stata pesante, ma abbiamo imparato tanto! 🙂 ” ahaha): anni di letture e scrittura, di riflessioni, di lavoro di gruppo e dei famigerati schemi 🙂 (“Prof, quando muori, ti portiamo mappe concettuali al posto di fiori!” , disse una volta sarcastica un’ex alunna 😉 ). Ma sono stati anni in cui mi sono divertita anche tanto e ho imparato tanto: ricordo la grande creatività e manualità di molti ragazzi, capaci di ricavare oggetti strabilianti dai materiali più umili, ricordo la passione della lettura di altri, ricordo la voglia di fare storia e ricerche, ricordo chi implorava di leggere Dante (e chi di chiuderlo 😉 ), ricordo chi mi ha fatto leggere i suoi romanzi, chi le sue poesie, chi smanettava al pc come un mago e chi non vedeva l’ora che suonasse la ricreazione!

Una classe che mi ha dato tanto, in primis affetto e poi supporto: pensierini d’ogni tipo e sorrisi, anche quando, tra uno sbuffo e l’altro, si arrivava ad assegnare i compiti a casa o a fissare le verifiche. Mai un NO. Magari un Si mediato, ma sempre supporto ai tanti voli pindarici o approfondimenti che la curiosità loro (o mia 😉 ) dettava. Questa classe è stata sicuramente quella con la quale ho letto più Canti interi della Divina Commedia e opere di Leopardi (Zio Dante e Zio Giacomo, per gli amici 😉 ): letture fatte con grande passione, riflessione e interiorizzazione, al punto che, volenti o nolenti, resteranno indelebili.

Ho regalato loro una bella poesia di Cleonice Parisi:

11337005_860572467313202_9204479594257775939_o

…e loro, con mia grande sorpresa, mi hanno fatto dono di questo video, che mi ha profondamente commosso:

E allora, parafrasando Zio Giacomo, godete fanciulli, stato soave, stagion lieta è codesta e possiate naufragare dolcemente nell’infinito oltre la siepe!

Buona vita, ragazzi miei!

Vi voglio bene!

La prof

Annunci

Informazioni su Cristina Galizia

Docente di lettere nella Scuola secondaria di I grado IC San Vito Romano (Rm)
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Ciao IIIA :)

  1. soudaz ha detto:

    L’ha ribloggato su Il Blog di Tino Soudaz 2.0 ( un pochino)e ha commentato:
    Bravi e brava

  2. Tommaso Rossi ha detto:

    Cara professoressa, un commento è troppo poco per esprimere quanto la nostra classe ti sia grata per questo grande e faticoso percorso, però cercherò di dirti tutto quello che pensiamo in poche parole. Cominciamo col dire che, come ho già detto, sei stata una professoressa pesante e pignola. Una professoressa che non è mancata mai, una famigerata professoressa in parole povere. Solo ora ci rendiamo conto di tutto ciò che abbiamo appreso grazie a te, la via giusta dove ci hai condotto, gli sforzi che ci ha quasi costretto a fare per avere un futuro migliore, tutto il materiale che ci hai preparato. Quindi se avremo un futuro prosperoso (sicuramente), sarà solo per merito tuo. La professoressa che ci ha insegnato il vero valore dell’impegno e della vita, e di quanto sia importante il rispetto reciproco. Non cambiare mai e soprattutto non stufarti mai di fare il tuo mestiere, che da sempre ha dato ottimi risultati ai tuoi alunni che non smetteranno mai di ringraziarti per averci condotto dove il sole della vita non tramonta mai.
    La tua classe IIIA, dal 2012 al 2015

    • Cristina Galizia ha detto:

      Tommaso caro e ragazzi cari…
      rispondervi per me, dopo queste parole, è ancora più difficile di quanto non sia già per me scrivere di emozioni abitualmente. Il vostro affetto è così grande che mi lusinga e mi imbarazza al tempo stesso, perché quasi lo avverto troppo più grande di me: e non per falsa modestia, ma perché davvero sono convinta che quanto è stato fatto si è potuto realizzare solo perché abbiamo lavorato come in squadra, con supporto reciproco. C’era da fare qualcosa a mano, di creativo? Ecco che c’erano Nicola, Emanuele, Claudia, Valerio, Matteo, Marco, Niccolò, Giovanni, Gianmarco, Sasha, Elisa, Nicole… Qualcosa da scrivere, qualche testo-tosto da elaborare? No problem, c’erano Federica, Mara, Giorgia, Tu Tommaso, Leonardo e gli altri del gruppo artisti creativi… C’era qualche cosa da fare al pc? Beh, qui il mago eri tu Tommaso, ma anche Giovanni, Gianmarco, Sasha, Erica ed Elisa, che ha saputo imparare e riusare il tutto per fare video… Dovevamo fare poesie? Subito c’erano Elisa, Erica, Clarissa, Claudia, Mara, Federica, Nicole, specie se caviardage. Avevamo bisogno di fare ricerche di storia, cartelloni? Qui scendevano in campo Niccolò, Marco, Matteo, Valerio, Leonardo, Emanuele… Un confronto letteratura-musica? Giorgia, Elisa, Nicole!….Potrei continuare a lungo! TUTTI avete collaborato per OGNI LAVORO, impegnandovi e imparando a dare di più ad ogni elaborato, soprattutto mettendo il vostro TALENTO A SERVIZIO DELL’ALTRO. Ecco, già solo questo basterebbe a tracciare un bilancio positivo dei tre anni. Perché la scuola non è nulla, se non insegna il rispetto, la pazienza, l’accoglienza.
      Queste tue/vostre parole le porterò sempre con me, quando avrò momenti di sconforto o di fatica e mi ricorderò che, se è vero come è vero che insegnare è lasciare un segno, allora è necessario spingere a fondo perché questo segno sia il più profondo e indelebile possibile.
      Continuerò ad essere pesante e pignola 🙂 (anche se mi sento, in verità, piuttosto svalvolata 😉 ) e continuerò, a Dio piacendo, a mancare poco….”perché senza di voi non so stare 😛 “…Quindi, riponete pure il pupazzo woodoo e gli spilli: gli insegnanti sono assiccurati contro fatture e malefici :)))

      Vi voglio davvero bene: puntate in alto, ragazzi, non accontentatevi, perché “fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza” (la citazione di Zio Dante mi veniva troppo facile per evitarla 😉 ): abbiamo, noi tutti, il dovere di fare del nostro meglio, di superare la mediocrità di cui è pieno il mondo, abbiamo tutti il dovere di regalare al mondo il nostro meglio, la nostra bellezza.
      Il mondo ha sete di bellezza.
      Buona vita, belli miei!

  3. dallomo antonella ha detto:

    Ciao Cristina, dovevo scegliere dei blog da nominare, e mi sei venuta in mente tu come modello di sito didattico.. leggi qui il tag sull’estate appena arrivata https://dallomoantonella.wordpress.com/2015/06/25/il-tag-sullestate/
    Ciao, e buona giornata 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...