IA: La sinestesia_Descrivere con il linguaggio figurato

Proseguiamo il lavoro con la poesia e conosciamo altri strumenti per esprimere emozioni e crearne altre attraverso il linguaggio figurato.

Complice l’arrivo prossimo della primavera, abbiamo letto in classe alcune poesie che riguardano il mese pazzarello di Marzo e l’arrivo della primavera. Le abbiamo letto, analizzate e scoperto la sinestesia:

Dopo aver fatto altri esercizi sull’analisi della sinestesia, i ragazzi sono passati a scrivere loro delle poesie con tutte le figure retoriche, sinestesia compresa:

E’ PRIMAVERA

I fiori color rosso piccante

e bianco candido il prato inondano

Gli alberi giocano a nascondino,

gli uccelli cantano.

E attenti laggiù! Sta spuntando una cosa!

E’ l’arcobaleno profumato.

Rosso fuocherello un po’ pazzerello

Arancio mandarino sempre carino

Giallo limone come limoncello

Verde prato sempre sereno

Azzurro cielo come gli uccelli

Indaco fiore come una viola

Ed infine violetto magenta sempre a gridare

E i conigli parlano della meraviglia

e sono felici.

Non si vedono più quei fiocchi di neve

soffici come un cuscino

Aurora Mercuri

ARRIVA MARZO

Ecco che arriva Marzo

con la sua felicità

ci porta gioia e bontà

I fiori dalla gioia urlano

e gli alberi crescono.

con i rami verdi e profumati

e gli uccelli colorati

Quando tutto fiorirà

una magia apparirà.

Marzo corre nel prato

tutto felice e incantato.

ecco che arriva la primavera

e il mio sogno si avvera

Ilaria Matassa

PRIMAVERA

E’ arrivata la primavera verde e profumata

e i fiori che sbocciano leggiadri

come delle ballerine

Gli alberi si vestono di un morbido verde

e le farfalle volano

con la lenta calma di una mongolfiera

Gabriele Di Pietro

LA PRIMAVERA E’ ARRIVATA

La primavera è arrivata

il sole canta una serenata

i fiori sbocciano con un morso lieve

la radice di nuovo beve

Gli alberi si vestiranno

e tinti di verde saranno

tutto si sveglia

finché il sole sorveglia

Azzurra Ronzani

PRIMAVERA

Marzo è arrivato

e il sole sonoro

canticchia insieme

a farfalle colorate

I fiori sbocciano

con il loro profumo squillante

invadono un tappeto

verde

Il cielo azzurro

ricoperto

da puntini neri che

volano di qua e di là.

Il mare limpido, increspato

di bolle di sapone

solcato da coralli luccicanti.

Daniela Colaneri

MARZO PAZZERELLO

O Marzo marzo pazzarello

esce il sole così limpido e bello

E poi sente più di uno scoppio

accaduto tutto di botto.

Una tempesta urlante

che fa diventar il cielo nostro

un cuore palpitante.

Tristezza a paura si aggiran per la piazza,

strillan, cupi di dolore di ragazzi.

Ma or viene Primavera

la terra negra nasce come un tempo

e le facce della gente brulicano di felicità

come abbracciate da una mamma e un papà.

Quei brillanti genitori

fanno nascere i nostri cuori

Quei tempi bui son finiti

noi tutti per le vacanze siam partiti

Quell’aspro inverno è finito

e la dolce Primavera

è arrivata, si spera!

Luca Trinchieri

La prof

 

Informazioni su Cristina Galizia

Docente di lettere nella Scuola secondaria di I grado IC San Vito Romano (Rm)
Questa voce è stata pubblicata in metafora, personificazione, poesia, poesia creativa, primavera, similitudine, sinestesia e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...