IA: Biblioteca di classe: resoconto incontro con…Otto e Anne Frank

Come organizziamo un…incontro con l’autore

—-

Il giorno 30 Marzo, in IA, abbiamo avuto il nostro secondo incontro con l’autore: dopo aver incontrato Ferenc Molnar, abbiamo avuto l’onore di…conoscere e parlare con Otto Frank, padre della celebre Anne, autrice del Diario. E’ stato un incontro emozionante, anche perché ci ha permesso di ricordare una delle pagine più dolorosamente significative del passato, entrando nel vivo della storia e vivendo in prima persona le emozioni dei protagonisti.
A differenza della volta scorsa, questa volta il nostro incontro è stato ancora più particolare: non solo, lavorando di immedesimazione, abbiamo incontrato un personaggio storico come Otto Frank, ma abbiamo lavorato di studio e fantasia, incontrando anche il personaggio di Anne che, nella finzione dell’evento, non poteva assolutamente essere presente. E così abbiamo strutturato l’incontro in questo modo: Otto Frank è l’autore da noi incontrato nella libreria “Il paese dei libri”, mentre Anne è il personaggio irreale che vive come ricordo solo nelle parole di Otto, che può esistere solo quando Otto…le concede di narrare la sua storia, di parlare ancora attraverso il Diario. Insomma, un incontro metafisico, un meta-incontro🙂

Per questo, le foto dell’incontro in biblioteca sono a colori e quelle ad Otto sono anticate, mentre quelle al personaggio di Anne sono volutamente in bianco e nero🙂
Valerio Mastrantonio, nei panni di Otto Frank, ci ha parlato di…lui, di quello che ha fatto nella vita precedente alla guerra, dell’incontro con sua moglie, della nascita di Margot e Anne, della paura conseguente le leggi razziali e la Notte dei Cristalli, della necessità di nascondersi in soffitta, della generosità, non priva di paura, di accogliere altri coinquilini nel loro rifugio, dell’amarezza nello scoprire al ritorno di essere l’unico superstite e della consolazione di ritrovare parte della sua piccola Anne nelle pagine del Diario. Bravo Valerio!

Giorgia Panci e Daniela Colaneri hanno vestito i panni di Anne e…l’hanno fatta rivivere e parlare ai suoi coetanei di San Vito: Anne ha potuto, ancora una volta, parlare di sé, della sua voglia di diventare una scrittrice, della sua insofferenza a stare nella soffitta piuttosto che fuori a giocare, del suo interesse per Peter, dell’amore per il padre e dell’insofferenza verso la madre o i coniugi Van Daan, del rapporto a volte conflittuale con Margot, della passione per il suo Diario Kitty. Giorgia e Daniela hanno letto passi del Diario che più connotavano il personaggio di Anne e hanno saputo interpretare il messaggio che Anne ha lasciato trapelare nelle sue pagine: per Giorgia, il Diario racconta quanto sia importante avere dei sogni e fare del tutto per realizzarli, per Daniela la gioia della vita e l’importanza degli affetti. Brava Giorgia e brava Daniela!

Azzurra Ronzani ha interpretato la libraia: ha gestito l’incontro, presentando il libro e Otto Frank,  ha accolto gli ospiti, mettendoli a loro agio, ha moderato gli interventi del pubblico e gestito la fase autografi🙂 Brava Azzurra!

Il pubblico ha seguito l’incontro e ha posto domande sia ad Otto che ad Anne: tutte le domande sono state interessanti ed anche di spessore. Ne ricordo qualcuna, che mi ha particolarmente e positivamente colpito:

[ad Otto]: Cosa ha provato quando, nel processo di Norimberga, molti dei responsabili sono sfuggiti alla condanna?

[ad Otto]: Si è mai sentito colpevole del fatto di aver “rinchiuso” la propria famiglia nella soffitta, di averla costretta ad una ulteriore sofferenza?

[ad Otto]: Si è mai pentito di aver dato ospitalità anche ad altri, aumentando le possibilità di essere scoperti?

[ad Otto]: Cosa provi al pensiero che qualcuno potrebbe avervi fatto la spia presso i tedeschi e rivelare il vostro nascondiglio? Hai mai saputo chi è stato?

[ad Otto]: Perché hai deciso di pubblicare il diario e perché ne hai tagliate alcune parti?

[ad Anne]: Cosa hai provato quando, il 4 agosto, vi hanno fatto prigionieri?

[ad Anne]: Hai mai odiato tuo padre per le sue decisioni? Come hai preso la decisione di accogliere anche i coniugi Van Daan con voi?

[ad Anne]: Hai saputo della liberazione del campo di Auschwitz del 27 Gennaio? Hai mai pensato che se fossi rimasta lì ti saresti salvata?

[ad Anne]: Dicci la verità: cosa c’era tra te e Peter?🙂

A voi le foto dell’incontro e…pronti per il prossimo incontro con…Rick Riordan e Percy Jackson!😀

(cliccare su una foto per ingrandirla e poi scorrere coi cursori laterali)

Informazioni su Cristina Galizia

Docente di lettere nella Scuola secondaria di I grado IC San Vito Romano (Rm)
Questa voce è stata pubblicata in biblioteca di classe, lettura e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a IA: Biblioteca di classe: resoconto incontro con…Otto e Anne Frank

  1. Pingback: IA: Biblioteca di classe: incontro con…Rick Riordan e la saga di Percy Jackson | Arringo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...