IIIA: BOOKS NO BULLIES: 21 MARZO, Giornata della memoria delle vittime di mafia_”Per questo mi chiamo Giovanni” di Luigi Garlando

Progetto Books no bullies

 

Oggi, 21 Marzo, i ragazzi della scuola media sono stati coinvolti in prima persona nelle varie attività previste dall’Istituto per la settimana della legalità:

acad5aa9.jpg

Complice l’inaugurazione della Biblioteca di Istituto “Blue Time” Bibliotake (il nome è stata una piacevole scoperta, rimandante al progetto di lettura dello scorso anno! ), i ragazzi di IIIA hanno tenuto una drammatizzazione del libro “Per questo mi chiamo Giovanni” nel nuovo spazio scolastico, alla presenza delle autorità locali, della Dirigente e dei rappresentanti dei genitori, in videoconferenza con le scuole di Salerno e di Matera.

Dopo una videoconferenza con i ragazzi di Salerno (elementari e medie, guidati dalle docenti Angela Rescigno, Maria Giovanna Pagano, Natalia Vitale) riguardante la storia di Falcone e le vittime campane della mafia, i ragazzi di IIIA hanno deciso di mettere in scena i personaggi del libro:

Simone: Luca Trinchieri

Tonio: Davide Proietti

Giovannino: Gabriele Di Pietro

Falcone: Valerio Mastrantonio

Totò Riina: Davide Proietti

Tommaso Buscetta: Giuseppe Testa

“Il corvo” e la magistratura corrotta: Alessio Marta

Rosaria Schifano: Ludovica De Paolis

Lettrici: Giorgia Panci e Aurora Mercuri

Presentatrice: Azzurra Ronzani.

I ragazzi di IIIB hanno impersonato altre vittime della mafia: Angelo Vassallo, Rita Atria, Don Cesare Boschin, Giuseppe di Matteo.

I ragazzi delle classi prime e seconde hanno partecipato come Consiglio Comunale dei Ragazzi, appena rieletto, illustrando il programma e accogliendo le autorità.

Tutti gli alunni e i partecipanti sono rimasti entusiasti, compresi di ragazzi in collegamento web!

Grazie ragazzi per il vostro impegno! E grazie ai genitori che hanno partecipato!

A voi, qualche foto:

 

Informazioni su Cristina Galizia

Docente di lettere nella Scuola secondaria di I grado IC San Vito Romano (Rm)
Questa voce è stata pubblicata in Books no bullies, eTwinning, legalità, scrittura creativa e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...