IA IIIA: BOOKS, NO BULLIES: Analisi e commento del libro “Io, Emanuela” di Annalisa Strada

Books, no bullies

Da diversi anni, i ragazzi incontrano gli autori dei libri che leggono, con grande successo e piacere.

Il 3 Maggio  prossimo incontreranno Annalisa Strada, autrice del libro “Io, Emanuela”, dedicato ad Emanuela Loi, prima donna poliziotto uccisa in servizio dalla mafia, durante l’attentato a Paolo Borsellino, in Via D’Amelio.

Le classi hanno apprezzato la lettura di questo libro, che hanno trovato significativo e importante.

“Prof, è stato bello, perché è una storia vera…Però peccato per il finale..”

I ragazzi sono stati preparati alla lettura del libro di A. Strada attraverso un percorso di conoscenza e riflessione sulla personalità di Falcone, che è evidentemente ed inscindibilmente collegata a quella di Borsellino. Infatti, per far capire meglio il contesto in cui i due magistrati si muovevano, la struttura e dinamica della mafia ed il maxiprocesso, i ragazzi hanno letto in classe anche un altro libro, ovvero  “Per questo mi chiamo Giovanni”, di Luigi Garlando: in questo modo, hanno potuto avere una visione completa dell’operato dei due magistrati, della loro lotta contro il “mostro”. Abbiamo conosciuto Rocco Chinnici, Ninni Cassarà, Antonino Caponnetto, Giuseppe Ayala, ma anche Tommaso Buscetta, Michele Sindona, Michele Greco, Totò Riina, Giovanni Brusca. Abbiamo visto e commentato l’attentato di Capaci e ci siamo soffermati anche sulle dinamiche dei funerali di stato e sul discorso di Rosaria Schifano, che molto ha colpito tutti i ragazzi (QUI l’attività realizzata):

Attraverso il libro di Emanuela Loi, in seguito, i ragazzi hanno potuto completare il quadro che riguarda l’operato dei due magistrati e soffermarsi anche sui nomi delle vittime “non famose”, troppo spesso dimenticate. Hanno potuto leggere la storia, quella che non ha la S maiuscola,  quella di persone “qualsiasi”, che hanno dato la vita per difendere coloro che erano in prima linea, persone che, come sottolinea la Strada, non sono “né vittime né eroi“, ma solo persone che hanno compiuto il proprio dovere. E ciò ne ha fatto, persone straordinariamente ordinarie.

Dopo aver letto e commentato capitolo per capitolo, abbiamo analizzato in questo modo il testo, soffermandoci su qualche brano in particolare, quelli  che ci sono parsi più significativi:

Qui di seguito, posto dei materiali di approfondimento (alcuni già visti a scuola), per stimolare la riflessione e la scrittura:

  1. il primo video contiene sia una immedesimazione nei panni di Emanuela, una voce narrante in prima persona e testimonianza di amici e conoscenti. Ne “consiglio molto” (tradotto…”impongo” 😉 ) la visione e l’ascolto:

2) il secondo video è quello del ricordo di Claudia, la sorella di Emanuela:

3) il terzo invece riporta il ricordo di altre donne della scorta, amiche e colleghe di Emanuela:

 

I ragazzi di IA (insieme a quelli di IB e IIIB) si occuperanno di scrivere testi e riflessioni, come suggerito nei materiali dati a scuola, interrogandosi su quanto il libro li ha spinti a riflettere.

I ragazzi di IIIA, come ormai sono abituati a fare, si occuperanno di drammatizzare il testo. A tutti “consiglio” (sempre da tradurre con… “impongo” 😉 ) la visione del FILM (QUI)

Emanuela LOI: Ludovica De Paolis

Claudia LOI: Aurora Mercuri

Mamma di Emanuela: Ilaria Matassa

Paolo Borsellino: Davide Proietti (per approfondire, il FILM;  discorso contro la mafia)

Giovanni Falcone: Luca Trinchieri (per approfondire, il FILM)

Mafia: Valerio Mastrantonio (a scelta, uno dei film su Falcone e Borsellino)

Lettrice: Azzurra Ronzani

Giovani di oggi: Daniela Colaneri  (video sotto)

Forza ragazzi, dateci dentro! Non abbiate timore di essere protagonisti: c’è bisogno di esserlo! Tirate fuori grinta e sentimento, come avete fatto sempre!

A presto, con i testi dei ragazzi e con il reportage dell’incontro!

La prof

Annunci

Informazioni su Cristina Galizia

Docente di lettere nella Scuola secondaria di I grado IC San Vito Romano (Rm)
Questa voce è stata pubblicata in Books no bullies, eTwinning, legalità, scrittura creativa e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a IA IIIA: BOOKS, NO BULLIES: Analisi e commento del libro “Io, Emanuela” di Annalisa Strada

  1. Pingback: BOOKS NO BULLIES: incontro con Annalisa Strada | Arringo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...